Chiesa Parrocchiale




Nell’antica contrada di San Lorenzo, prima del sec. XIV, sorgeva la chiesa omonima. Lo provano due lapidi conservate presso il Museo Civico di Verona. Abbattuta, fu riedificata nel 1303 nel centro del borgo di Soave dove si può ammirare ancora in tutta la sua monumentalità.

Demolita nel 1744, perché troppo angusta, nel 1758 fu riedificata col concorso del Comune e del popolo. Fu poi ingrandita nel 1884 su progetto dell’abate architetto Gottardi.
Dello stesso Gottardi è il restauro della facciata in stile rinascimentale, con colonne ioniche e scalinata in marmo rosso di Verona. Il tempio è ad una navata, con altari barocchi e pregevoli dipinti. La pala piú importante è quella di Francesco Morone, il pittore veronese piú illustre del sec. XVI; raffigura San Rocco, la Vergine in trono con bambino, San Gioacchino e il Padre Eterno nella lunetta (1529). Altre opere di valore sono quelle dei pittori: Farinati (sec. XVI), Cignaroli (sec. XVIII), Ugolini (sec. XIX), Nalin (sec. XIX) il grande affresco nella navata centrale “La gloria di San Lorenzo”, Mattielli (sec. XX) l’affresco nell’abside “il Buon Pastore”, “”Questi sono i miei tesori” nel prolungamento del soffitto verso l’altare.
Pregevole la statua in legno scolpita dal veneziano Paolo Campsa nel 1553, rappresentante il Redentore. Il campanile, in stile classico con trifore, fu eretto su disegno di Luigi Trezza. Oltre alle opere d’arte è da vedere e sentire il maestoso e bellissimo organo costruito nel 1889 dall’inglese Giorgio Trice. La potenza solenne del suo suono fa sì che nella chiesa si tengano spesso concerti di musica sacra.

GO TO POI
INDICAZIONI PEDONALI